Carnevale a rischio

Un bel pomeriggio, qualche anno fa, passato a chiacchierare nel teatro di Corinaldo vuoto, insieme a Diletta Latini, Agnese Samory e Alessio Piermattei, memoria storica del paese.

Le feste di Carnevale a teatro nel secondo dopoguerra. Il sughero riscaldato con una fiamma diventava una specie di carbonella, con la quale, chi non poteva permettersi una maschera vera, si pittava il viso. I gruppi mascherati dovevano fare una denuncia preventiva ai carabinieri, individuando un capogruppo che si prendeva la responsabilità. Se succedeva qualcosa i carabinieri sapevano così chi andare a cercare.

I Carnevali a volte degeneravano ed era l’occasione per regolamenti di conti.

Anni fa ho visto su un libro una tavoletta votiva di Ostra, c’era disegnato il corso con un individuo mascherato che spara, seminascosto tra i vicoli. La vittima ringraziava a Madonna della Rosa per aver avuta salva la vita ed essere guarito dalle ferite.

chiesa-madonna-della-rosa
Antica immagine della Chiesa della Madonna della Rosa, Ostra. 

 

Nelle campagne si ripulivano i capanni e i sabati prima di Carnevale si ballava, con l’organetto e le cresciòle. I più giovani ballavano già le cose moderne come il valzer. Ma i più anziani di gamba buona facevano i loro bei giri di saltarello.

alessio-racconti-carnevale

Memorie tratte dalla racconta dell’associazione Generazioni Storie Orizzonti, che continua a promuovere il progetto Memoteca.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...