“…non gli dava più alcun diletto.”

“Un giorno uscì, ammirando con più attenzione la campagna circostante; ma tutto ciò che è gradevole a vedersi: la bellezza dei campi, l’amenità dei vigneti, non gli dava più alcun diletto.”

In questo passo di Tommaso da Celano, tratto dalla prima biografia di Francesco in ordine di tempo, c’è lo spirito di chi ricava piacere dalla bellezza del paesaggio umbro, molto simile al nostro marchigiano. Le colline, i vigneti, gli alberi, il sole l’acqua e l’aria trasparente, provocavano nel giovane Francesco, come in tanti altri, un piacere semplice, ma autentico, le tante forme naturali che esalterà poi nel Cantico. Ma ad un certo punto tutto ciò gli sembra vacuo.  La bellezza umile, ma nello stesso tempo maestosa delle nostre colline e montagne, semplici e grandiose nello stesso tempo, sono un po’ come l’immagine dell’uomo di Assisi, il più piccolo di tutti, ma, proprio per questo, il più grande. Un santo, un poeta, un uomo semplice del suo tempo che ha saputo parlare a tutte le persone di tutti i tempi, anche a noi, con poche parole, ma più che altro con il silenzio che genera una sensazione molto particolare andando a visitare ad Assisi la sua tomba.

“Era attonito di questo repentino mutamento e riteneva stolti tutti quelli che hanno il cuore attaccato a beni di tal sorta.”

Il piacere del possedere le cose, in primo luogo la terra, che era l’elemento primario su cui si basava a quei tempi la ricchezza e il potere, non dava a vera soddisfazione a Giovanni di Pietro Bernardone, chiamato universalmente Francesco. Ma c’è un diverso sguardo con cui guardare i campi arati, i fossi, i canneti e le stoppie. Quello sguardo che si può avere provando a dimenticare, almeno per qualche ora, le preoccupazioni quotidiane, che diminuiscono di importanza di fronte al San Vicino e al Monte Acuto in una giornata di sole autunnale. Di fronte al tronco e alla chioma grande di una quercia nata più di un secolo fa. O semplicemente riprendendo in mano qualche vecchia antologia di scuola e rileggendo il Cantico.

“Il beato Francesco, prese con sè Egidio e si recò nella Marca di Ancona” si legge in una biografia successiva.

Allora proviamo a camminare nelle nostre campagne, anche i nostri pensieri diventeranno più leggeri, come il nostro corpo quando tocca coi piedi la terra, e le colline diventeranno motivo di allegria della mente.

Quante cose si sentono in silenzio!

immagine-spettacolo-francesco-2
Una foto dello spettacolo “Francesco uomo d’Assisi” del gruppo storico Combusta Revixi, scattata da Morena Tarsi davanti al convento corinaldese, rettore Padre Stelvio Sagrati.
mappa_zeffirelli_francesco-1
Immagine del libro “Francesco” di Franco Zeffirelli, regista di “Fratello sole, Sorella luna”, 1972.

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

2 pensieri su ““…non gli dava più alcun diletto.”

  1. La chiesa diroccata di Zeffirelli era stata costruita in polistirolo in una valletta nei Piani di Castelluccio, a destra poco prima della salita per Forca Canapine, chissà se è ne restato qualcosa!

    Liked by 1 persona

    1. Se è di polistirolo non penso che sia sopravvissuto granché, anche se i costumi del film sono stati oggetto di una mostra relativamente recente, dopo il 2000, non ricordo dove. Se guardi il video con la canzone cantata da Baglioni è evidente che sono a Castelluccio di Norcia.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...