Terra calda fredda

La “calda fredda” teneva ferme le vacche e gli aratri per una settimana. La “calda fredda” capitava quando, come in questi giorni, c’è un periodo caldissimo, che ha arroventato la terra, poi arriva un acquazzone insieme ad una bella rinfrescata repentina. Allora non si può arare, perché alla terra non fa bene.

Della terra gli anziani contadini parlano come un qualcosa di vivo e sensibile, qualcosa che può soffrire. Se la tratti male ne risente. Ed effettivamente è così. E’ talmente semplice!

E come suonano male i discorsi sul cambiamento climatico, quanto sembrano analfabeti coloro che ne parlano ai convegni sul clima e se ne escono con comunicati dove si dice che bisogna rimanere entro i due gradi di surriscaldamento. Quanto sembrano analfabeti rispetto ad un vecchio contadino con la quinta elementare! Ma di cosa parlano? La terra e l’ecosistema non sono funzioni regolabili a piacimento. C’è una sacralità nella terra che richiede un rispetto assoluto. C’è una bellezza in un campo appena arato che non riusciamo più a vedere. La natura ha perso il suo calore vivo, trasfigurata in una immagine buona per gli sfondi del desktop al computer. Gli anziani sapevano guardare la terra e capire tante cose.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...